Via Adriatica angolo Via Ferrando - 73100 - Lecce (LE)

I Santi Patroni di Lecce: La Festa di agosto

Il santo maggiormente amato in buona parte del Salento è sicuramente Sant’Oronzo, santo patrono della città di Lecce insieme ad altri due santi, San Giusto e San Fortunato.

Il culto religioso e popolare nei confronti del santo trova il suo culmine durante la Festa di agosto che si tiene durante una classica tre giorni compresa tra il 24 e il 26 di agosto.

Sant’Oronzo: cenni storici

Le notizie che si hanno a disposizione su questo santo non sono molte e si rivelano alquanto frammentarie. Il suo vero nome era Publio e nacque nel 22 d.C. in un antico centro romano, Rudiae, che non esiste più e che era situato a breve distanza da Lecce.

Negli anni successivi, si recò insieme allo zio Fortunato nel borgo costiero di San Cataldo dove conobbero il giovane Giusto e tutti e tre insieme si convertirono al Cristianesimo e successivamente iniziarono un’opera di evangelizzazione nell’intero Salento.

Le poche notizie che si hanno indicano che Oronzo ricevette l’investitura dallo stesso San Paolo come vescovo non solo di Lecce ma di tutta la Puglia. La sua vita terminò per opera delle persecuzioni che Nerone attuò nei confronti dei Cristiani e fu condannato alla decapitazione insieme a Giusto e Fortunato.

La devozione dei leccesi nei confronti di questo santo è dovuta al fatto che egli operò il miracolo di risparmiare la città da un’epidemia di peste: testimonianze di questa intercessione sono numerose tele rinvenute e che riportano come i leccesi chiedessero l’intervento del santo. In suo onore è stata eretta la colonna di Sant’Oronzo che si trova nell’omonima piazza leccese.

La tre giorni di festa per Sant’Oronzo

Come abbiamo accennato, la festa di agosto di Sant’Oronzo abbraccia un periodo di 3 giorni che va dal 24 al 26 di questo mese e che, nonostante il tempo limitato, è abbastanza piena di eventi liturgici e laici allo stesso tempo.

La festa prende avvio nella giornata del 24 agosto quando dal Duomo di Lecce parte la processione che porta per le vie della città non solo la statua di Sant’Oronzo ma anche quelle di San Giusto e San Fortunato.

Tutte le strade del centro storico, in questi giorni, sono molto suggestive e hanno un’atmosfera particolare data non solo dalla processione delle statue ma anche dal particolare gioco di luci delle luminarie nonché lo spettacolo di fuochi d’artificio per celebrare i santi patroni.

E infatti, uno dei momenti più attesi è lo spettacolo di fuochi pirotecnici che si tiene nel momento in cui scocca la mezzanotte del 26 agosto, momento peraltro in cui si chiudono i festeggiamenti con un arrivederci all’anno successivo.

Altro momento molto atteso è quello che si tiene abitualmente nella mattina del giorno 26 e cioè la Fiera del Bestiame: oltre all’esposizione degli animali, vengono proposti anche diversi prodotti tipici salentini tutti rigorosamente prodotti con metodi artigianali.

Durante la Festa di agosto, le strade di Lecce sono piene di bancarelle che espongono e propongono in vendita diverse prelibatezze del posto e molti piatti simbolo della tradizione.

Non manca il classico “scapece” ossia un piatto fatto a base di piccoli pesci marinati e fritti, la “melanzanata” una pietanza fatta con carne e melanzane fino al prelibato gallo ruspante, una vera e propria prelibatezza del posto.

In particolare questo piatto sarebbe collegato ad una leggenda secondo la quale Sant’Oronzo, appena nominato vescovo, abbia tirato il collo ad un gallo come gesto simbolico in contrapposizione al rinnegamento che Pietro fece a Cristo prima del canto del gallo.

Tags :
Prenota ora!